Il verde pubblico, gli orti, l'agricoltura


By redazione - Posted on 20 Febbraio 2008

Nel 1974, a seguito di una intensa campagna di opinione sulla insufficienza del verde pubblico a Milano, la Sezione di Milano di Italia Nostra ha ricevuto dal Comune di Milano 35 ettari posti nella periferia Ovest di Milano, con l'obiettivo di trasformarlo in un bosco. Nasce così l'avventura del Boscoincittà, oggi parco pubblico di più di cento ettari, esempio di forestazione urbana e di attività culturali, sociali e naturalistiche da svolgere nel verde: in particolare l'esperienza degli orti urbani. Nel 1997, a questo parco si è aggiunto il Parco delle Cave, sito a Baggio. I due parchi sono gestiti da una struttura dedicata di Italia Nostra, il Centro di forestazione urbana (CFU) vero e proprio centro irradiatore di cultura e impegno civico sui temi del verde pubblico. Oltre a progettare e gestire i due parchi, il CFU organizza infatti viaggi di studio, edita dispense, conduce esperienze di educazione ambientale per la scuola e per gli adulti.
L'associazione segue con attenzione le vicende del Parco agricolo sud Milano, considerato strategico per la sostenibilità ambientale della città.
Con il Comitato locale, Italia Nostra si è, inoltre, impegnata, per l'istituzione del Parco del Ticinello, finalmente approvata dal Comune di Milano nell'ottobre 2000. Si è battuta per l'istituzione del Parco della Valle del Ticino. Ha dato vita, dopo il convegno su Parchi natura e boschi in città. Milano & New York, alla Fondazione Perilparco per il recupero dei parchi storici cittadini, in primis Parco Sempione. Ha contribuito alla stesura del Regolamento del Verde per Milano.

 

Centro di Forestazione Urbana di Italia Nostra



Italia nostra Milano newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!