programma 2012


Visite e Viaggi per i nostri Soci nel 2012

 



Leonardo a Londra (da martedì 24 a giovedì 26 gennaio)
Tre giorni a Londra per la mostra “Leonardo da Vinci: Painter at the Court of Milan”, la straordinaria retrospettiva che raccoglie ben sette capolavori realizzati dall’artista durante il suo soggiorno alla corte dei Duchi di Milano. Non mancherà una visita alla Londra moderna, con particolare attenzione alle strutture per le prossime Olimpiadi, ottima occasione per rivalorizzare una zona estremamente povera e degradata dell’ East End. Guida culturale: Hilary Smith


Etiopia: tra arte/architettura, storia e natura (da lunedì 20 a mercoledì 29 febbraio)
Un “ritorno” in Etiopia: per approfondire un itinerario che, allora, aveva dovuto evitare la visita ad Axum e al Tigraj. Riproponiamo così, un decennio dopo, un percorso che, pur non tralasciando la capitale (cresciuta a dismisura e occidentalizzata in questi anni: molte le riflessioni da fare) e Lalibela, davvero un unicum (ad ogni visita permette di scoprire nuove parti e scorci di una straordinaria “avventura” architettonico/scultorea), ci porterà a mettere meglio a fuoco non solo la storia ma anche la cultura di questo Paese che per alcuni anni ha intrecciato il suo destino con il nostro. In un momento, anche, di grandi difficoltà (carestia) di una parte dell’Etiopia, l’“indotto” del nostro viaggio può essere un piccolo ma significativo contributo. Guida culturale: Anty Pansera



La Sicilia Fenicia e Occidentale (da venerdì 23 a lunedì 26 marzo)

Quattro giorni per riscoprire le sfaccettature delle antiche civiltà fiorite in Sicilia: dalle fenicie Mozia e Favignana ai templi greci di Selinunte, dai palazzi di Trapani recentemente restaurati all’incantevole paesaggio di Erice, particolarmente godibile in primavera. Una ex tonnara riportata alla sua originaria atmosfera magica tramite un accurato restauro sarà il nostro albergo. Guida culturale: Alberto Ferruzzi


A Zurigo, capitale della Svizzera di tutto tranne che della politica. Città che alle 7 del mattino ha gli uomini in grigio in movimento verso le banche. Ma insieme interessanti musei e le vedute di Marc Chagall nel severo Fraumünster (convento femminile). E sul podio Zubin Mehta che dirige il Don Carlos di Verdi, opera ambientata nella Spagna del ‘500, intrigante per l’intreccio politico storico e insieme amoroso che con Verdi hanno una interpretazione musicale assai efficace. Guida culturale: Anna Tronconi



Una giornata per ragionare sul sistema del verde milanese e per conoscere, attraverso una lunga passeggiata, i grandi parchi della cintura verde metropolitana; i tre “nuovi” parchi realizzati dal nulla negli ultimi decenni (due di essi, “Bosco” e “Cave”, con il contributo decisivo di Italia Nostra - Centro di Forestazione Urbana). Ci guidano nella passeggiata Francesco Borella, Sergio Pellizzoni e Silvio Anderloni, che di questi parchi sono stati, a vario titolo, artefici e protagonisti.


La cittadina e la sua verde provincia sono da sempre località privilegiate di soggiorno e villeggiatura per l’amenità dei luoghi e la salubrità dell’aria: ed ecco il perché della costruzione di sontuose residenze patrizie con grandi giardini come la Villa Della Porta Bozzolo a Casalzuigno, oggi proprietà del FAI, e la Villa Cicogna Mozzonia Bisuschio, entrambe di origini cinquecentesche, successivamente ampliate ed arricchite. A Varese, a fianco della Basilica di S. Vittore, il Battistero di S. Giovanni (XII-XIII sec.), recentemente restaurato, è la testimonianza più antica dell’intera città. A breve distanza la Valganna, ancora in parte salvaguardata nel suo aspetto naturale, con i due piccoli laghi di Ghirla e di Ganna, incastonati in una splendida cornice di verde, e l’Abbazia di S. Gemolo, monastero benedettino dall’XI al XVI sec. Guida culturale: Giovanni Fossati


Mussulmani, Ebrei e Mozarabi in Spagna (da venerdì 27 aprile a mercoledì 2 maggio)
Il percorso inizia nel Nord della Spagna, con lo straordinario recupero monumentale dell'Aljaferia di Saragozza, costruita nel IX secolo, sede dell'Emiro, poi Capitale del Regno di Aragona, ancora raramente raggiunta dal turismo culturale e che da sola giustifica il viaggio. L’itinerario si snoda poi tra antichi monumenti mozarabici (vicino a Soria, ad esempio, il complesso di San Juan de la Peña), per raggiungere Toledo: numerosa la serie dei monumenti giudaici, Santa Maria la Blanca e la Sinagoga del Transito (del XII-XIII secolo). Ma anche presenze visigote e alto medievali, di VI-X secolo. Guida culturale: Ermanno Arslan



Ad Abbiategrasso, antico borgo visconteo-sforzesco, visiteremo il convento dell’Annunziata, sorto per volere di Galeazzo Maria Sforza, che, grazie ad un provvidenziale restauro, si presenta oggi come un complesso di notevole coerenza architettonica; a Magenta vedremo il polittico della passione del Bergognone, recentemente restaurato, e a Corbetta, piacevole cittadina di origine celtica, la seicentesca casa Frisiani Mereghetti Maggi con elegante facciata del Richino. Guida culturale: Nicoletta Tonetti



La Valle Vigezzo: gioiello nascosto tra le Alpi (sabato 12 maggio)

I caratteristici nuclei storici di Malesco - con l’Ospedale Trabucchi ed il Museo Archeologico della Pietra Ollare -, di Craveggia - con la sfarzosa Parrocchiale e la settecentesca chiesa di S. Marta -, di S. Maria Maggiore - con la Pinacoteca della Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini - e di Re - il Santuario della Madonna del Sangue gotico bizantina -, saranno i punti di forza di questa giornata nella “Valle dei pittori”. Così è anche conosciuta la Val Vigezzo, patria di numerosi artisti e fonte di ispirazione di paesaggisti e ritrattisti che nei secoli ne hanno influenzato arte e cultura. Guida culturale: Paolo Volorio

Le Marche Gallesi (da sabato 19 a sabato 26 maggio)


Un itinerario assolutamente inedito e poco conosciuto, al confine col Galles, ma ancora in Inghilterra. Terra di battaglie tra i normanni e i riottosi gallesi, questa incantevole contea rurale, di eccezionale bellezza naturalistica, è disseminata di castelli, fortificazioni, gole calcaree, ma non mancano giardini famosi come Hergest Croft, graziose cittadine piene di storia come Ludlow, e sontuose case di campagna come Hanbury Hall. Nell’ambito del nostro itinerario, sosta a Blenheim Palace, di proprietà della famiglia Churchill e a Sudeley Castle, casa di Catherine Parr, l’ultima moglie di Enrico VIII, due singolari dimore con magnifici giardini e grandi parchi. Guide culturali: Pier Fausto Bagatti Valsecchi e Hilary Smith

Arte e natura sul Lago di Lugano (mercoledì 30 maggio)

Le mete di questo percorso coniugano presenze artistiche con incantevoli scenari naturali: ad Oria Villa Fogazzaro (XIX sec.), proprietà del FAI recentemente restaurata – originali gli arredi e molte le memorie legate alla figura ed alla produzione letteraria di Antonio Fogazzaro; a Campione d’Italia lo scenografico Santuario della Madonna dei Ghirli (XIV-XVIII sec.) dagli affreschi tardogotici e rinascimentali; a Morcote il Parco Scherrer, rara realizzazione botanica ricca di essenze rare e fantasie architettoniche orientaleggianti; a Riva San Vitale il Battistero romanico (VI sec.), il più antico edificio cristiano della Svizzera, con affreschi del ‘200. Guida culturale: Rosa Maria Bruni Fossati


La ex Germania dell’Est, tra Goethe, Martin Lutero e Nietzsche (da lunedì 11 a venerdì 15 giugno)


Un viaggio tra archetipi e luoghi chiave non solo della Germania: da Wittemberg (Martin Lutero e Cranach, ma anche Hundertwasser) alla Weimar di Goethe, ma soprattutto delle letture che di lui hanno fatto i posteri (Nietzsche, la Bauhaus, il Gauforum nazionalsocialista, Rebecca Horn e l´architettura del 2000), passando per il mito di Barbarossa (Kyffhäuser) e delle guerre contadine (il gigantesco panorama di 1722 mq, dipinto da Werner Tübke nella Germania Est). Godremo anche la bellezza naturale della valle selvaggia e romantica della Saale e il sapore accattivante dei vini di Saale-Unstrut e, non da ultimo, gli splendori romanici del duomo di Naumburg (con la famosa statua di Uta von Naumburg, modello della Strega Cattiva di Biancaneve) e quelli rococó della Biblioteca Duchessa Anna Amalia. Un’avventura culturale per vivere insieme l´emozione dei miti e degli interrogativi aperti di una parte importante della storia della cultura europea. Guide culturali: Jacopo Gardella e Claudio Cassetti 

 

Scoprire attraverso la Francia Eugène Viollet-le-Duc (1814-1879) il padre del restauro monumentale ricostruttivo e teatrale dell'800  (da martedì 18 a martedì 25 settembre)


Si parte da una lettura del restauro del Castello Sforzesco di Milano, del Beltrami, che testimonia le scelte di Viollet-le-Duc… E il viaggio prenderà inizio dalla sua prima opera, l'Abbazia di Vèzelay (Yonne), in Borgogna, per raggiungere Parigi, con Notre-Dame e Saint-Denis, da noi considerate modelli del gotico francese, e invece in gran parte ricostruite proprio da Viollet-le-Duc. Si scenderà poi verso Sud, passando per Saint-Louis (Poissy)e per il fantastico Castello di Roquetaillade (Mazères), per raggiungere, al confine con la Spagna il Chateau de l'Abbadie, in Aquitania. Ritornando infine verso l'Italia, si toccheranno Carcassone, cuore del viaggio, Saint-Sernin (Tolosa) e Narbonne (il suo municipio esempio di edificio civile). Viaggiando in pullman si visiterà, lungo il percorso, la magica città di Aigues Mortes, con la sua cinta muraria intatta (non restaurata da Viollet-le-Duc) datata XIII secolo. Infine ad Albenga i restauri dell’architetto Alfredo d’Andrade, fortemente influenzato da Viollet-le-Duc. Guida culturale: Ermanno Arslan

 

A Varallo Sesia sulle orme di Gaudenzio Ferrari  (giovedì 27 settembre)

Il valsesiano Gaudenzio Ferrari, vissuto fra ‘400 e ‘500, è il massimo protagonista della stagione artistica di Varallo, il principale centro della Valsesia: felice periodo che culmina con la costruzione della “Nuova Gerusalemme”, il Sacro Monte che si erge a dominio della cittadina ed è il più grandioso e monumentale fra quelli scaturiti dalla Controriforma. Nelle sue numerose cappelle trovano infatti posto circa 600 statue e 4000 figure affrescate, in parte opera del Ferrari, pittore, scultore e architetto, vero artista rinascimentale. Anche la Pinacoteca e le chiese di Varallo conservano numerose ed importanti opere di Gaudenzio Ferrari che dimostrano appieno le sue qualità artistiche e culturali. Guida culturale: Giovanni Fossati

 

In terra bergamasca sulle tracce di Lorenzo Lotto   (sabato 6 ottobre)

Antichi borghi (Celana, Sedrina, Ponteranica, Trescore Balneario con il suo straordinario ciclo di affreschi, Credaro), adagiati nell’ambiente vallivo o collinare che fa da corona al capoluogo bergamasco, custodiscono significative testimonianze storico-artistiche, tra cui pregevoli opere del pittore Lorenzo Lotto, ed offrono allo sguardo visioni paesaggistiche di notevole bellezza, accresciuta dalle prime suggestive colorazioni dell’autunno. Guida culturale: Rosa Maria Bruni Fossati

 


Ritorno a Ronchamp, pellegrini dell’architettura


 (da mercoledì 10 a domenica 14 ottobre)


Un itinerario nella Svizzera occidentale, con brevi divagazioni in Francia e Germania: per visitare grandi architetture del passato (abbazie cluniacensi, cattedrali); alcune opere del movimento moderno (di Le Corbusier, la villa sul lago a Vevey, realizzata nel '23 per i suoi genitori, e il capolavoro di Notre Dame du Haut a Ronchamp; e di R.Steiner, il Gotheanum); opere di contemporanei (come il Rolex Learning Center a Losanna, di K. Sejima, e il convento delle Clarisse di R. Piano a Ronchamp ed altre sue opere; architetture poi di F. Gehry, A. Siza Veira, Tadao Ando, Z. Hadid, Herzog & de Meuron); vecchi borghi, centri storici, paesaggi, giardini. Avremo modo anche di riflettere sulla città del futuro, attraverso l'opera di L. Kroll a Belfort (sul tema del "che fare" dei casermoni e dei quartieri dormitorio, eredità novecentesca tipica di tutte le nostre periferie europee); o visitando Freiburg im Breisgau, considerata la capitale europea della sostenibilità ecologica ed energetica. Con Francesco e Giacomo Borella

 

La Sicilia dopo il terremoto del 1693  (da giovedì 18 a domenica 21 ottobre)

Altri quattro giorni in Sicilia per conoscere Ragusa, l'antica Ibla - ricostruita dopo il terremoto dall'architetto siracusano Rosario Gagliardi, dove chiese e palazzi nobiliari si sovrappongono al vecchio impianto medioevale -, ma anche Noto, finalmente completati i restauri, Modica, Scicli, Grammichele e Caltagirone. Una visita anche alla Cava d'Ispica, stretta gola di grande suggestione paesistica dove si incontrano necropoli sicule, abituri trogloditici, catacombe cristiane, ruderi di chiesette bizantine. Guida culturale: Alberto Ferruzzi

Parco Sud 2  (sabato 27 ottobre)

Una giornata a pochi chilometri da Milano per godere dei colori autunnali della campagna, alla scoperta di antiche testimonianze. Guida culturale: prof. Nicoletta Tonetti

 

“Musica dipinta”. A Vienna Abbado dirige e Klimt dipinge Beethoven  (da venerdì 16 a lunedì 19 novembre 2012)

Guida culturale: dott. Anna Tronconi 

AllegatoDimensione
Programma Viaggi 2012.pdf299.67 KB
Leonardo a Londra.pdf299 KB
etiopia.pdf376.25 KB
viaggio musicale a zurigo.pdf334.57 KB
Musulmani, Ebrei e Mozarabi in Spagna.pdf274.66 KB
Sicilia Fenicia e Occidentale.pdf564.32 KB
Lago di Lugano.pdf587.95 KB
Marche Gallesi.pdf706 KB
Val Vigezzo.pdf340.81 KB
Verde a Milano.pdf449.23 KB
Val Vigezzo sconosciuta.pdf429.17 KB
Varese e ville storiche del Varesotto.pdf690.09 KB
Ex Germania Est.pdf310.43 KB
Tesori nascosti nei borghi tra Abbiatense e Magentino.pdf468.8 KB
La Sicilia dopo il terremoto.pdf692.73 KB
Ritorno a Ronchamp.pdf649.66 KB
Riscoprire con Viollet.pdf646.04 KB
Viaggio musicale a Vienna.pdf631.8 KB
A Varallo sulle orme di Gaudenzio Ferrari.pdf541.62 KB
Parco Sud 2.pdf77.63 KB
In terra bergamasca sulle tracce di Lorenzo Lotto.pdf588.08 KB


Italia nostra Milano newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!